Minox 35 Gt Test – Something good, Something wrong – (Part One)

Minox_kentemere 001

Months ago, I published a post about the Lubitel 166U and one about the Agfa Synchro Box. During these days, I shot with the little Minox 35 Gt too. Since I had started a new roll of film, I waited to finish it, before developing both …. But time passed, and just recently, I developed the second one. In the first case, I used a Kentmere 100 film, souped in Ars-Imago Fd with the traditional tank. In the second, a Kodak Trix 400, with the same developer but using the Agfa Rondinax, which I mentioned in my previous post.

Something went good …. but something was wrong. The Kentmere film was perfectly developed, while the Trix gave an hard negative, too contrasty and too grainy. Although this was the first time that I developed the Trix in 35mm format and with the Ars-Imago …. such a failure should surely be due to the choice of the development time. Obviously, for this pairing (and using the Rondinax), 5′ @ about 20°C are too many. Some images can also be fine but, in general, the tonal range is very compressed (as opposed to my usual results in 120 format, using Rodinal), the contrast out of the norm and the grain definitely excessive.

Minox_kentemere 002

Minox_kentemere 003

Minox_kentemere 004

Minox_kentemere 005
The Minox has behaved very well. Small, compact, easily fits in a mini belt bag, always ready to shoot, being fully automatic (aperture priority). Focus (to estimate) was not a problem, the meter (known for its accuracy, especially for long exposures, but not always reliable during time) seems to have done its homework and the lens (Color Minotar 35mm f/2,8) has shown remarkable sharpness, despite the small size. While personally preferring cameras with full manual control, I have to say that a gem like the Minox is always handy in your photographic arsenal. A perfect all-round camera, provided you have fresh batteries …. otherwise it can only be used as a beautiful centerpiece.

Minox_kentemere 009

Minox_kentemere 007

Minox_kentemere 011
In this first part, I will publish the images obtained with the Kentemere.In almost all the shots I used a small push-on yellow filter.

Minox_kentemere 008

Minox_kentemere 006

(Click on Images to see larger)

(Versione Italiana)

Mesi fa, ho pubblicato un post riguardo la Lubitel 166U ed uno sulla Agfa Synchro Box. Negli stessi giorni, avevo però scattato anche con la piccola Minox 35 Gt. Dato che avevo iniziato anche un nuovo rullo di pellicola, ho aspettato di finirlo, prima di sviluppare entrambi…. Poi il tempo è passato e solo recentemente, ho sviluppato il secondo. Nel primo caso, ho usato una pellicola Kentemere 100, sviluppato in Ars-Imago Fd con la tank tradizionale. Nel secondo, una Kodak Trix 400, con lo stesso sviluppo ed il sistema Agfa Rondinax, di cui ho parlato nel post precedente. Qualcosa è andato bene…. ma qualcosa è andato storto. La kentemere è uscita perfettamente sviluppata, mentre il negativo della Trix si è rivelato duro, contrastato e con molta grana. Anche se questa era la prima volta che sviluppavo la trix in formato 35mm e con l’Ars-Imago…. una simile (mal)riuscita è sicuramente da imputare alla scelta del tempo di sviluppo. Evidentemente, per questa accoppiata (e usando il sistema Rondinax), 5 minuti a circa 20°C sono troppi. Alcune immagini possono anche andare bene ma, in genere, la gamma tonale è molto compressa (al contrario dei miei abituali risultati in formato 120, con il classico Rodinal), il contrasto fuori dalla norma e la grana decisamente eccessiva.
La Minox si è comportata benissimo. Piccolissima, compatta, sta comodamente in una mini borsetta da cintura, sempre pronta a scattare, essendo completamente automatica (a priorità di diaframmi). La messa a fuoco (a stima) non è stata un problema, l’esposimetro (noto per la sua precisione, specie nelle lunghe esposizioni, ma non sempre affidabile nel tempo) sembra aver fatto il suo dovere e l’obiettivo (Color Minotar 35mm f/2,8) ha mostrato una notevole definizione, specie tenendo conto delle ridottissime dimensioni. Pur preferendo personalmente le fotocamere a completo controllo manuale, devo ammettere che un gioiellino come la Minox fa sempre comodo nel proprio arsenale fotografico. Una perfetta allround, a condizione di avere le pile cariche…. altrimenti può essere usata esclusivamente come un bel soprammobile.
In questa prima parte, pubblicherò le immagini ottenute con la Kentemere.In quasi tutti gli scatti ho usato un piccolo filtro giallo di tipo push-on.

Tech data:

Camera: Minox 35 Gt – Film: Kentemere 100 – Devloper: Ars Imago Fd – Scanner: Epson V550

Advertisements

3 thoughts on “Minox 35 Gt Test – Something good, Something wrong – (Part One)

  1. Not sure why, but Tri-X in 135 format seems to be different to the MF and LF versions. I have developed late production MF Tri-X and had great results with pleasant tonality and 135 Tri-X with the same developer and got the same results like yours. I tend to think that the emulsions of the 135 and the MF/LF versions are different, I cannot explain it else like.

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s