The Christmas post: Zeiss Ikon Contessamat SBE & Adox CHS II

001_CHSII_SBE_022

In this Christmas post I want to begin by thanking the thousands of readers who have been kind enough to follow my blog. Being able to reach and share my experiences with people of every continent is to me, a source of pleasure and pride. Personally, I learned (and still do) a lot from the many blogs on the web about analogue photography. I could see countless photos, evaluate the results of many different pairs of cameras / lenses / films / developments and get an idea before i can do it myself. Sharing is caring … is an important concept, and I wanted to give the humble contribution of my experiences, sure it could be (sooner or later) useful to someone in the world. The results achieved in such a short time (less than 9 months) confirm and encourage me to continue on this path.

This time, the subject of my post is the Zeiss Ikon Contessamat SBE loaded with  Adox CHS II ISO 100, from which the film was practically … perfect!

Perfect? Yes, or at least, the best that I was able to get since I “picked up” again the chemicals for film development. I have used several times the Adox CHS II, souped in  Rodinal (Adonal) or in  Ars-Imago Fd. The results were satisfactory in both cases, but this time (I used the Fd), I managed to get a virtually no errors on development / fixing and (especially) drying chain. Beautiful, well-developed and … clean.

001_CHSII_SBE_017

001_CHSII_SBE_014

001_CHSII_SBE_016

The result, thanks also to the excellent Zeiss Tessar 50mm f/2.8 was exciting (at least for my taste and for my needs): an impressive greyscale, very detailed shadows and highlights, out of focus soft and progressive and sharpness when needed. Scan these negatives was a breeze … and great was the pleasure of finding in each frame the result that I set for myself while I took  them (sometimes even using the Zone System metering, although it was 35mm).

001_CHSII_SBE_015

001_CHSII_SBE_005

001_CHSII_SBE_028

001_CHSII_SBE_002

Well, ladies and gentlemen, these are the reasons why I came back to shoot with film: a slower and meditated approach , a preventive selection of the shots, the soft tonal passages of the film, the three-dimensionality and the personality of the so-called vintage lenses. The Contessamat is one of the many jewels produced in the last century by Zeiss. Whether it was cheap cameras or top of the line … always a flawless construction, durable, stylish and powerful … that after decades, remains intact over time, often without ever having to resort to any technical assistance.

001_CHSII_SBE_009

001_CHSII_SBE_031

001_CHSII_SBE_007

A rangefinder camera, equipped with a semi coupled  selenium light meter and  a well known Tessar 50mm lens. The best you could ask for at the time. And even now, trust me my friends, we do not need anything else to make beautiful pictures, in addition to our individual capacity.

001_CHSII_SBE_012

001_CHSII_SBE_026

001_CHSII_SBE_004

001_CHSII_SBE_032

001_CHSII_SBE_034

I wish you all a Merry Christmas and Happy New Year!

Donato Chirulli

(Versione Italiana)

In questo post natalizio voglio per prima cosa ringraziare le migliaia di lettori che hanno avuto la bontà di seguire questo mio blog. Sapere di poter raggiungere e condividere la mie esperienze con persone di ogni continente è per me, motivo di piacere ed orgoglio. Personalmente, ho imparato (e continuo a farlo) moltissimo dai molti blog di fotografia analogica presenti sulla rete. Ho potuto visionare innumerevoli foto, valutare i risultati dei più disparati accoppiamenti fotocamera/lente/pellicola/sviluppo e farmi un’idea prima di poter agire io stesso. Sharing is caring… è un concetto importante, ed io ho voluto apportare il modesto contributo delle mie esperienze, sicuro che avrebbero potuto essere utili a qualcuno. I risultati ottenuti in così breve tempo (circa 9 mesi) lo confermano e m’incoraggiano a continuare su questa strada.

Questa volta, l’oggetto del mio post è l’accoppiata Zeiss Ikon Contessamat SBE con la pellicola Adox CHS II 100 Iso, dalla quale è risultato praticamente… il rullino perfetto!

Perfetto? Si, o almeno, quanto di meglio mi sia riuscito di ottenere da quando ho “ripreso in mano” i chimici per lo sviluppo. Ho usato diverse volte la pellicola Adox CHS II, sviluppandola sia con il classico Rodinal (Adonal) che con l’Ars-Imago Fd. I risultati sono stati soddisfacenti in entrambi i casi ma, questa volta (ho usato l’Fd), sono riuscito ad ottenere un rullino senza praticamente errori di sviluppo/fissaggio e (soprattutto) di asciugatura. Bello, ben sviluppato e… pulito. Il risultato, grazie anche all’ottimo Zeiss Tessar 50mm f/2,8 è stato entusiasmante (almeno per i miei gusti e per le mie esigenze): una gamma tonale estesissima, ombre dettagliatissime ed alte luci correttamente contenute, fuori fuoco morbido e progressivo e incisione quando serviva. Scansionare questi negativi è stato un gioco da ragazzi… e grande è stato il piacere di ritrovare in ogni fotogramma il risultato che mi ero prefissato mentre scattavo (a volte usando addirittura una misurazione zonale, pur trattandosi di 35mm). Beh, signori miei, questi sono i motivi per cui sono tornato a scattare con la pellicola: un approccio più lento e meditato, una selezione a priori degli scatti, i morbidi passaggi tonali della pellicola, le tridimensionalità e la personalità degli obiettivi cosiddetti vintage. La Contessamat è uno degli innumerevoli gioielli prodotti nel secolo scorso dalla Zeiss. Che si trattasse di fotocamere economiche o top di gamma… sempre una costruzione impeccabile, resistente, raffinata e performante…che dopo decenni, si mantiene intatta nel tempo, spesso senza aver mai dovuto ricorrere ad alcuna assistenza tecnica. Una rangefinder munita di esposimetro semi accoppiato ed ottica Tessar 50mm. Quanto di meglio si potesse chiedere all’epoca. Ed anche ora, fidatevi amici miei, non serve null’altro per fare meravigliose fotografie, oltre alla nostra capacità individuale.

Buone Feste a tutti!

Donato Chirulli

Tech data:

Camera: Zeiss Ikon Contessamat SBE – Film: Adox CMS II 100 – Filters used: none – Developer: Ars Imago Fd 1+39 – 5’@20 °C in Rondinax System – Scan: Epson V550 – Post Production: Curve tones & light levels. No sharpen added.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s